Sul ciglio del Marciapiede II incontro

Sul ciglio del Marciapiede II incontro

14/05/2018 alle ore 15:30 

LIBERTA’ E LAICITA’

Luogo: Banca Etica, via Niccolò Tommaseo 7

Sul ciglio del marciapiede
II INCONTRO: Il sex work maschile e femminile a confronto tra autodeterminazione e violenza

“Chi va con le prostitute è un criminale. Questo non è fare l’amore, questo è torturare una donna: non confondiamo i due termini”. L’ultima frase di Papa Bergoglio riassume il senso comune che in Italia vede ancora il sex working come un fenomeno criminoso, quando in realtà esso è legalizzato dal 1958. Tuttavia non è regolamentato, per cui l’autonomia della persona scompare nel momento in cui esso viene ricondotto alle dimensioni della vergogna e del peccato o peggio quando si crede che la prostituzione sia solamente violenza e abuso.
In questa sede si cercherà di fare luce su questo tema distinguendo quelle forme del sex working che purtroppo hanno a che fare con i fenomeni quali lo sfruttamento e la tratta e quelle che invece rispecchiano la volontà della persona di gestire il proprio corpo, vendendolo in libertà e praticando un mestiere che in altre parti del mondo è equiparato ad ogni altra forma di esercizio.

Ospiti:

Cirus Rinaldi, Università degli Studi di Palermo
Gaia Borgato & Andrea Stefanello, Associazione Mimosa

Transitare – Tra i Generi e Sulla Strada 14 Aprile

Transitare – Tra i Generi e Sulla Strada 14 Aprile

Mappa Location

LIBERTÀ E LAICITÀ

14 aprile ore 10:00

Luogo: presso Sala Congressi, Banca Etica, Via Tommaseo 7, Padova

Sul ciglio del marciapiede
PRIMO INCONTRO: TRANSITARE – TRA I GENERI E SULLA STRADA

Uno stereotipo piuttosto comune abbina transessualità e sex work. Si consideri però che molte delle persone transgender che hanno lottato per una regolamentazione del percorso di transizione con la Legge 164 del 1982 sono proprio prostitute o ex prostitute che, attraverso le loro narrazioni, hanno tradotto i discorsi della strada e delle assemblee pubbliche nel linguaggio giuridico. Le due realtà continuano comunque a intrecciarsi e purtroppo troppo spesso restano confuse o sepolte dal silenzio, tranne in quei casi di cronaca in cui le prostitute Male to Female sono riconducibili a qualche fenomeno criminoso.
Tuttavia quello che si vuole stimolare è, finalmente, una narrazione positiva e di speranza per la transessualità in cui, tra varie difficoltà, c’è anche benessere, studi universitari, vita relazionale generativa e lavoro appagante. Tutte risorse che vanno esaltate come memo per quelle persone che ancora si celano al mondo.

A questo appuntamento del Padova Pride 2018 saranno presenti:
Antonia Monopoli, Attivista per i diritti delle persone transgender, educatrice e consulente peer-to-peer.
– Silvia Pasqualin, Psicologa Sessuologa che si occupa di orientamento sessuale ed identità di genere, rappresentate dell’Associazione G.A.G.A. Vicenza.
– Gianmarco Negri, Avvocato
– Il SERVIZIO ACCOGLIENZA TRANS di Verona, con sede anche a Padova.